Peter Kingsley rettore onorario dell’Accademia degli empedoclei

Leave a comment
Agrigento
15 settembre 2008,

ACCADEMIA INTERNAZIONALE DEGLI EMPEDOCLEI
ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI FILOSOFICI AGRIGENTO

Comunicato stampa

Un evento storico per la Città di Agrigento

L’insigne Prof. Peter Kingsley
nominato rettore onorario
dell’accademia internazionale degli empedoclei

Filosofo, docente universitario, saggista e conferenziere di fama mondiale è considerato il più celebre studioso di Empedocle dell’era contemporanea

Per volontà del Prof. Nuccio Mula, Fondatore e Rettore dell’Accademia Internazionale degli Empedoclei di Agrigento, e per unanime approvazione del Senato Accademico, l’insigne Prof. Peter Kingsley è stato nominato Accademico d’Onore della Classe delle Scienze, Dipartimento di Filosofia e, contestualmente, Rettore Onorario dell’Accademia stessa.

Filosofo, docente universitario, saggista e conferenziere di fama mondiale, ovunque rinomato per il sublime ingegno del suo cogitare ed il magnetismo della sua mistica sapienza, acclamato in tutti i più prestigiosi contesti accademici internazionali, celebrato da autorevoli personalità della cultura e da Maestri del Pensiero come Elemire Zolla, il Prof. Peter Kingsley, considerato il più celebre studioso di Empedocle dell’era contemporanea, ha accettato le due nomine, gratificando d’impareggiabile onore e di un evento unico e storico l’Accademia Internazionale degli Empedoclei e la Città di Empedocle.

Una decisione ovvia: il più celebre studioso di Empedocle al mondo non poteva che essere collocato ai vertici dell’Accademia Internazionale degli Empedoclei la cui sede è proprio nei luoghi di Empedocle di Akragas“, ha dichiarato il Prof. Nuccio Mula, sottolineando anche “la gratificante signorilità nei rapporti umani sia del Prof. Peter Kingsley che della moglie e principale sua collaboratrice scientifica, la Prof. Maria Kingsley, concretizzatasi nella confortante disponibilità ad accettare le mie nomine“.

55 anni, inglese d’origine, laureato con lode all’Università di Lancaster, Master in Lettere all’Università di Cambridge, Ph. D. all’Università di Londra, il Prof. Peter Kingsley, nel 1995, s’è trasferito in Canada e, dal 2002, vive negli Usa. La sua brillante attività accademica, in atto, lo vede Professore Onorario alla “Simon Fraser University”, in Canada, ed alla “University of New Mexico”.

Studioso delle origini della filosofia e della cultura occidentale, con i suoi libri – fra cui “Reality”, un “best-seller” internazionale – il Prof. Peter Kingsley riporta sempre alla luce, nelle sue opere ed in tutta la sua attività intellettuale, la matrice spirituale del mondo antico. In Italia, oltre al volume Nei luoghi oscuri della saggezza (Marco Tropea Editore, 2001) è uscito “Misteri e magia nella filosofia antica – Empedocle e la tradizione pitagorica” (“Il Saggiatore”, 2007; prima edizione, “Oxford University press”, 1995), un’opera monumentale, straordinaria, innovativa, che non ha eguali, per profondità, genialità ed originalità d’analisi, nella saggistica di tutti i tempi sul pensiero empedocleo, poiché scritta, come esplicitamente sottolineato nel testo dal Prof. Peter Kingsley, in quanto “è necessario un ripensamento delle nostre idee su Empedocle: un ripensamento ricco di conseguenze anche per la nostra comprensione della filosofia antica e, quindi, delle origini della cultura occidentale“.

In segno di rispetto e di gratitudine per il Prof. Peter Kingsley, che così grandemente ha onorato la terra di Empedocle, l’Accademia Internazionale degli Empedoclei annuncia le seguenti iniziative:

  • assegnazione al prof. Kingsley del Premio Internazionale “Il Sandalo di Empedocle” 2009;
  • istanza al Sindaco di Agrigento per conferire la cittadinanza onoraria al Prof. Kingsley;
  • istanza al Sindaco di Agrigento, al Presidente della Provincia Regionale ed al Presidente della Regione Siciliana finalizzata all’organizzazione di una visita ufficiale ad Agrigento del Prof. Kingsley per una conferenza su Empedocle ed eventuali iniziative collaterali nella Città di Empedocle e nel suo territorio; il tutto da tenersi nel 2009, dopo aver concordato in tempo le date e le sedi con l’illustre studioso, compatibilmente ai suoi numerosi impegni internazionali.

ACCADEMIA INTERNAZIONALE DEGLI EMPEDOCLEI
AGRIGENTO

15 settembre 2008.

NOTA DI APPROFONDIMENTO BIBLIOGRAFICO

Misteri e magia nella filosofia antica – Empedocle e la tradizione pitagorica
(“Il Saggiatore”, 2007; prima edizione, “Oxford University press”, 1995)

Il ruolo fondamentale di Empedocle nello sviluppo della filosofia e della cultura occidentale è ormai riconosciuto da tutti.
Eppure il pensiero di questo filosofo, vissuto in Sicilia, ad Agrigento, nel V secolo a.C., rimane in larga parte sconosciuto e non sufficientemente indagato.
Partendo da fonti di recente scoperta, l’Autore,studioso di fama mondiale, ricompone la figura di Empedocle nella sua interezza e ricolloca i frammenti dei suoi poemi in un contesto in cui la filosofia era percepita come stile di vita, come religione misterica e magica, e come pratica per far emergere il divino presente in ciascuno.
Inoltre, riportando alla luce i rapporti che legarono il filosofo ai primi pitagorici, l’insigne Prof. Peter Kingsley afferma che le idee di Empedocle non rimasero isolate, e pone le basi per dimostrare l’origine pitagorica dei miti di Platone.
Riesaminare, contestualmente, anche la connessione tra la magia antica, la scienza e la religione è, poi, l’altro obiettivo di questo volume veramente straordinario.
Per la prima volta in assoluto, l’Autore traccia una linea di continuità fra Empedocle e i primi Pitagorici nell’Alto Egitto,linea che prosegue giungendo al mondo islamico.
Tale processo di trasmissione, fino ad oggi trascurato, ora permette una conoscenza più approfondita della filosofia greca ed imposta una nuova direzione nella ricerca delle origini dell’alchimia antica, del sufismo e del misticismo medioevale.
Da questo libro, quindi, emerge una nuova immagine del Mediterraneo, non più “atenocentrica” e neppure “grecocentrica”; nello specifico, l’immagine d’un territorio dove furono fondamentali gli scambi fra Oriente e Occidente ed in cui risalta decisamente l’influenza della filosofia antica anche sulla cultura islamica.

Leggi la recensione di Cateno Tempio a questo volume, qui su Sitosophia.