«Frammento e sistema» di Roberto Fai

Leave a comment
roberto-fai_sistema_integrale
Roberto Fai – “Frammento e sistema” » Clicca per ingrandire

Non è davvero paradossale che da quando l’unità del mondo appare raggiunta nella sua compiutezza e visibilità reticolare – perché questo attesta la globalizzazione, il cui volto “tecnico” sono il web e internet –, sia diventato impossibile orientarsi? Che al posto della dimensione del tempo e della temporalità – come leggere altrimenti lo spegnimento di ogni immagine di futuro? –, siano adesso lo spazio e la spazialità a dominare la scena, delineando quale dispositivo di “rappresentazione” del reale la mera puntualità del presente? Che proprio quando il mondo appare definitivamente risolto nella trasparenza delle sue immagini e “telerappresentazioni”, si sia spenta ogni weltanschauung (“visione del mondo”)? Che proprio nell’epoca in cui è la piena spazialità ad offrirci il mondo “in presa diretta”, anche la ricerca di un ‘orientamento’ mostra l’ineffabilità del nostro perturbante spaesamento? In questo saggio, la coppia frammento e sistema è assunta quale “dispositivo ermeneutico”, per comprendere la paradossalità di un mondo che, mentre si installa a “sistema compiuto”, mostra irreversibilmente come le trame dell’esistenza, le condizioni soggettive, il corredo delle nostre Istituzioni ed i saperi di cui disponiamo vivano e si percepiscano soltanto come sparsi ed irrelati frammenti. A partire da qui, decostruendo il senso di alcuni ‘elementi naturali’ e figure metaforiche (terra, mare, aria, il naufragio, lo spettro di Marx, il senso della fine), luoghi geopolitici (Europa e Mediterraneo) e alcune categorie-concetti (il ‘politico’, le aporie del diritto, l’idea di comunità, il dono, l’amicizia, le forme dell’abitare, la democrazia), la presente ricerca prova ad offrire alcuni squarci di luce, al fine di illuminare la nostra inquieta contemporaneità.

Così Roberto Fai, nel suo nuovo Frammento e sistema. Nove istantanee sulla contemporaneità, ed. Mimesis, in uscita i primi di giugno 2013. Le «nove istantanee sulla contemporaneità» sono così divise:

  1. Dalla soglia di Hobbes al crepuscolo della sovranità
  2. Potenza del mare e justissima tellus
  3. Dal ben naufragare alle immagini della fine
  4. Essere giusti con Marx
  5. Il diritto tra norma e decisione: l’eccedenza del ‘politico’
  6. Il ‘politico’ e l’irrappresentabile altro da sé
  7. Singolare comunità
  8. Abitare nell’universale sradicamento
  9. Democrazia a venire