Emil Cioran, “Un’altra verità”

Leave a comment

minima-volti-cioran-altra-veritaEmil Cioran, Un’altra verità. Lettere a Linde Birk e Dieter Schlesak (1969-1986)
A cura di Antonio Di Gennaro
Traduzione italiana di Massimo Carloni e Mattia Luigi Pozzi
Edizioni Mimesis

Segnaliamo l’uscita di un volume che – come leggiamo dalla scheda – raccoglie in maniera integrale lo scambio epistolare, costituito da quattordici missive, intercorso tra Emil Cioran, Linde Birk e Dieter Schlesak negli anni 1969-1986. Esso rappresenta una preziosa testimonianza per comprendere l’evoluzione psicologica di Cioran in Francia e per chiarire il suo rapporto di amore-odio verso la Romania. Afflitto da un’“ineffabile nostalgia”, lo scrittore transilvano ritorna col pensiero alle origini e rimpiange, come pochi altri, le proprie radici e la propria terra natia. Nell’esilio parigino, la lontananza dalla patria è vissuta come incommensurabile perdita e ricordo struggente di un passato immemore, al di là del tempo. Ma è proprio attraverso quest’incessante anelito della memoria che l’humus balcanico e il retroterra valacco, originariamente rinnegati, riaffiorano alla coscienza e prepotentemente si rivelano nell’esercizio della scrittura. Un retaggio gravoso, misto di fatalità e disincanto, che inevitabilmente segna l’uomo e il filosofo di Rasinari, alla perenne ricerca di “un’altra verità”.