«Esistere forte» di Stefano Scrima

Una recensione breve al volume di Stefano Scrima, «Esistere forte», collana «I Quaderni di Diogene» Il Giardino dei Pensieri, Bologna 2014.

Lavoro estraniato e godimento

«Quante più cose l’uomo trasferisce in Dio, tanto meno egli ne ritiene in sé stesso». Un passo dei «Manoscritti economico-filosofici del 1844» di Karl Marx, che Alberto Destasio analizza in maniera profonda ancorché breve, attraverso due dei concetti essenziali dell’opera.

Responsabilità collettiva e colpa

«… la sola sopravvivenza all’evento del nazismo è sufficiente a decretare la colpa di quegli uomini e quelle donne che posti di fronte a crimini atroci hanno preferito salvare sé stessi piuttosto che seguire l’impulso alla solidarietà, secondo il quale “si vuole o che si viva insieme o che non si viva affatto”».

Alla faccia della tolleranza

In un regno di pagani viene un gruppo di cristiani, piccolo e debole, privo di ogni cosa. Gli stranieri chiedono agli indigeni, da uomini a uomini, come si deve, gli aiuti per sopravvivere. Vengono loro concesse le cose necessarie, vengono assegnate delle sedi, i pagani e i cristiani diventano un popolo solo. La religione cristiana…

raccontoscrittura

Il racconto e la scrittura

di , . Recensione di Cateno Tempio.

Il mosaico che stanno componendo Adriana Destro e Mauro Pesce è davvero ammirevole. Con ogni nuova pubblicazione aggiungono una tessera che contribuisce al quadro d’insieme, volto a ricostruire l’immagine dei primissimi secoli o addirittura decenni dello sviluppo del cristianesimo. Soprattutto ci stanno fornendo gli strumenti essenziali e imprescindibili per cogliere finalmente senza pregiudizi, ideologie o…

correre

L’arte di correre

di . Recensione di Sergio Sollima.

Cominciamo dal titolo dell’edizione inglese, al quale la versione einaudiana non rende giustizia, e che può così essere tradotto: ‘Di cosa parlo quando parlo di corsa’. È un omaggio di Murakami Haruki al suo Raymond Carver (Di cosa parliamo quando parliamo d’amore), profeta del minimalismo. Quando parliamo di corsa – sottintende lo scrittore giapponese –…

guerra

La vertigine della guerra

di . Recensione di Cateno Tempio.

Sì rade volte càpita di trovarsi di fronte a un libro ben fatto, che quando accade ne si rimane contenti, oltre che ammirati. Perché questo, sfornato abbastanza di fresco dalla piccola ma bella “Casa di marrani”, è davvero un buon libro, da tutti i punti di vista. Caillois è una garanzia; la scelta depone già…

Apocalissi-singola-204x300

Apocalissi e conversione

di . Recensione di Elio Ria.

L’Occidente al setaccio. Le idee effervescenti di Tempio in Apocalissi e conversione. Quando si parla di civiltà non vi è il minimo dubbio che si intenda la civiltà dell’Occidente, anche se alcuni studiosi non concordano con questa tesi, sostenendo che tutte le civiltà sono in un certo senso uguali, e che l’Occidente non può arrogarsi…

IGP 44 AMATO_Polvere.indd

Polvere

di . Recensione di Cateno Tempio.

La storia condivide con la poesia l’indifferenza del tema. Certo, c’è chi ha sostenuto che alcuni temi siano in sé più poetici di altri, o che la storia vera e propria sia solamente quella evenemenziale. Sciocchezze, è chiaro. E questo libro conferma che pure qualcosa all’apparenza così insignificante come la polvere può racchiudere in nuce…

copertina STIRNER_copertina TEMPORA 2

Max Stirner

di . Recensione di Cateno Tempio.

A volte il destino di un libro è imperscrutabile. Da anni vagheggiavo la traduzione dell’unica biografia di Max Stirner. Mi chiedevo se il signor Adelphi stesse dormendo o chissà cosa, mentre in realtà aveva già liquidato la questione in quattro righe, accompagnando la traduzione de L’unico. Almeno Guanda dovrebbe farlo – mi dicevo –, se…

anarchismo-may-cover

Anarchismo e post-strutturalismo

di . Recensione di Isidoro Strano.

Il testo proposto, pubblicato nel 1994 negli Stati Uniti ed edito in Italia nel 1998, è a dire il vero un po’ datato, ma quanto mai attuale, specie in riferimento al recente dibattito sui “Beni Comuni”. Il merito di Anarchismo e post-strutturalismo. Da Bakunin a Foucault di Todd May, filosofo statunitense, è certamente quello di…

Quel che viene a mancare

Quel che viene a mancare

di . Recensione di Elio Ria.

Quel che viene a mancare a sostegno del pensiero 1. Preambolo Talvolta capita che la scrittura è talmente irrobustita dalla certezza del lessico che si fa fatica a sistemarsi sui binari della razionalità per trarne verità, ovvero conclusioni apodittiche di un pensiero rivoluzionario, scevro da preconcetti, pulito comunque da ogni scoria di pregiudizio. Quel che…

abbraccio della vita-cover

L’abbraccio della vita

di . Recensione di Cateno Tempio.

Questo libro è la viva immagine dell’accademia italiana, con tutti i suoi pregi e difetti. A una solida conoscenza della storia della filosofia fa da pendant un sostanziale addomesticamento del pensiero. Mi correggo subito: questo libro è l’accademia. Pure se uno dei «sei fra i più noti filosofi del panorama nazionale» non è un accademico…

commons-cover

Commons / beni comuni

di . Recensione di Lorenzo Del Zoppo.

Ormai da un po’ di tempo a questa parte, la questione dei beni comuni si è affermata nel dibattito culturale tout court; tuttavia proprio l’espressione “beni comuni” continua ad essere assolutamente vaga. Filosofi, giuristi ed economisti, da diverse angolazioni, hanno affrontato il tema in incontri e dibattiti ma ancora tutto, o niente, sembra poter essere,…

Per un elenco delle numerose recensioni precedenti, accedete all'archivio dedicato.

«Die beweinte Zukunft»

Nel video, che risale al 1987, Günther Anders dà pubblica lettura di un suo racconto, Die beweinte Zukunft, scritto nel 1961 (incluso in «Tagebücher und Gedichte»). La storia costituisce la reinterpretazione dell’episodio biblico della costruzione dell’arca di Noè. Questi, presago dell’imminente catastrofe e consapevole che dopo di essa non ci sarà nessuno a piangere le generazioni scomparse a causa del diluvio, inscena il lutto per i vivi, destinati però presto a soccombere. L’imminente futuro viene trasformato in passato grazie all’uso del futuro imperfetto. Alla fine gli sciagurati destinati a perire saranno convinti a fare qualcosa per evitare che la profezia si avveri, aprendo la possibilità della prosecuzione della storia. Si lascia intuire facilmente al lettore a quali situazioni del presente alluda il filosofo.

Il video può essere visto solo dalla sua fonte e si tratta di una rara testimonianza del filosofo, che offriamo speranzosi in attesa di un film su di lui piuttosto che sulla Arendt.

Tag: , ,

27. «Occupato»

RADIOLAB – Il dormiglione
Stagione invernale. Puntata 27 – 27 maggio 2013

Tag: , , , , , , ,

26. «Tutto si tiene (in Sicilia)»

RADIOLAB – Il dormiglione Stagione invernale. Puntata 26 – 20 maggio 2013 Tag: aforismi, antistoricismo, empedocle, etna, filosofo, il dormiglione, inferno, kingsley, letteratura, libri, logica, morte, parmenide, pensiero, platone, radiolab, sgalambro, sicilia, società, socrate, spinoza, storia, taranto, vita

25. «Sex»

RADIOLAB – Il dormiglione Stagione invernale. Puntata 25 – 13 maggio 2013 Tag: alterità, amore, ascesi, borges, carmelo bene, colli, eckhart, eros, il dormiglione, kierkegaard, letteratura, libri, marziano capella, nascita, parmenide, pasolini, radiolab, sessualità, sgalambro, villaggio maori edizioni

Presentazione del saggio di Elio Ria su Rimbaud

«Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud» di Elio Ria

Due biblioteche comunali della provincia di Lecce, quella di Gagliano del Capo e quella di Castrignano del Capo, e altre associazioni si sono unite per presentare il volume di Elio Ria: «Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud» (Villaggio Maori 2014). I due sindaci, un assessore, esperti del settore ed amici interverranno per dialogare con…

Günther Anders. La Cassandra della filosofia

anders

Segnaliamo con piacere questa nuova pubblicazione: Alessio Cernicchiaro Günther Anders. La Cassandra della filosofia. Dall’uomo senza mondo al mondo senza uomo (Petite Plaisance, Pistoia 2014) Si tratta di una biografia intellettuale, molto accurata e di facile lettura, di Günther Anders, filosofo a noi molto caro. Riportiamo la descrizione del libro: Günther Anders (Breslavia, 1902 –…

Emil Cioran, Al di là della filosofia

cioran

Segnaliamo con piacere la recente pubblicazione del volume: Emil Cioran, Al di là della filosofia. Conversazioni su Benjamin Fondane A cura di Antonio Di Gennaro, traduzione di Irma Carannante Edizioni Mimesis Tale volume raccoglie le interviste concesse da Emil Cioran a Leonard Schwartz (1986), Ricardo Nirenberg (1988) e Arta Lucescu Boutcher (1992), sulla figura e…

Presentazione di «Un Carmelo Bene di meno»

M. Sciotto, «Un Carmelo Bene di meno» (VME, 2014)

La guerra dichiarata da Carmelo Bene alla rappresentazione nell’arte, al suo ruolo consolatorio, all’identificazione tra teatro e spettacolo, è ciò che ha mosso la sua attività fin dagli inizi. Spinta, questa, che nel corso degli anni e della sua carriera è maturata, fino a giungere ad esiti definitivi che hanno mostrato, forse per la prima…

Nuove uscite Villaggio Maori!

vme-logo

Con grande piacere, e soddisfazione, segnaliamo l’uscita di nuovi testi editi dalla casa editrice indipendente catanese «Villaggio Maori». Nella nuova collana «Fibre»: John Webster – Il diavolo bianco (a cura di M. Dimino) Gabriella Santagati – Capacità umane e vita delle donne. Infibulazione e multiculturalismo nella società contemporanea Angelo Ruta – Il poeta volante. Con…

«Unique» di Francesca Biasetton

UNIQUE (Biasetton)

«Cos’è l’arte della calligrafia? Francesca Biasetton lo svela qui, in modo affascinante e personale, attraverso le sue tele e le immagini di alcune sue opere su commissione per grandi eventi (ad esempio i XX Giochi Olimpici Invernali), accompagnate da due brevi testi. L’esplorazione del valore della scrittura, in quanto segno svincolato dal significato delle parole…

«La dimensione spirituale della vita nel Mediterraneo»

400_Mani aperte

«Palermo e la Sicilia in generale sono da millenni al centro di flussi migratori – ora pacifici ora aggressivi – che ne fanno un incrocio obbligato fra etnie, culture, strategie politiche differenti, talora convergenti e talaltra contrastanti. A partire da queste considerazioni è nata l’idea di organizzare una serie di eventi in cui la problematicità…

«Peter Sloterdijk» di Antonio Lucci

starter08-sloterdijk-2

L’autore classico modella il linguaggio come una lente per mettere a fuoco i concetti. A buon diritto, quindi, si può annoverare Peter Sloterdijk tra i classici, pur essendo egli immerso fino al collo nel guazzo maleodorante della contemporaneità. Ma forse appunto in ciò sta la classicità, nel far il contemporaneo a suon di parole, nell’essere…

«S.O.G.N.O. ERGO SUM»

sogno-ergo-sum

PROGETTO S.E.T.A., in residenza al Teatro Coppola, presenta: S.O.G.N.O. ERGO SUM Studio di una Notte di Mezza Estate Drammaturgia onirica della Compagnia da William Shakespeare Ingresso libero con sottoscrizione volontaria. 18 ottobre, ore 20.45 – 19 ottobre, ore 23.00 In questa mezza estate di sgomberi e disoccupazioni forzate che, a quanto sembra, risultano l’unica politica del…