Bastardi a cena

Bastardi a cena è il piatto forte del Teatro degli Specchi. Forte in tutti i sensi: emotivo, rappresentativo, intellettuale. Forte da mandare giù. Ma si sa, per digerire i bastardi a cena ci vogliono buoni stomaci. E se li digerisci male, ti provocano incubi. Più che una compagnia teatrale in senso stretto, il Teatro degli…

Pynchon e l’immaginario al tempo di «The Tube»

Ecco alcune riflessioni di Giancarlo Chiariglione, a partire dal saggio di Fabrizio Denunzio, «The Tube. Pynchon e l’immaginario dopo la tv» (Liguori, 2012).

«Esistere forte» di Stefano Scrima

Una recensione breve al volume di Stefano Scrima, «Esistere forte», collana «I Quaderni di Diogene» Il Giardino dei Pensieri, Bologna 2014.

La lingua di Flaiano

La lingua italiana non esiste in natura, la maggior parte degli italiani se ne serve per scrivere romanzi continuando a coltivare i suoi dialetti, il che spiega il successo di un teatro profondamente dialettale, dove le idee vengono espresse in maniera bonaria e «filosofica» (filosofia sta per rassegnazione e strampalata saggezza). Il teatro invece è…

temporalit-differen-biuso-cover

Temporalità e Differenza

di . Recensione di Pietro Ingallina.

Il tempo è l’unità molteplice che raccoglie in sé l’infinito scandirsi di identità e differenza, «non possiede una struttura discreta ma un’esistenza continua, gli eventi non sono elementi separati che accadono su uno sfondo dato ma costituiscono lo sfondo stesso e il suo fluire»1. Il nucleo principale di Temporalità e Differenza presenta una critica palese…

Coscia_stampa

Soli eravamo

di . Recensione di Stefano Scrima.

Apro il libro di Fabrizio Coscia, sfoglio le prime pagine e mi ritrovo davanti a un esergo: “Credo che non si possa più scrivere libri. Quasi tutti i libri sono note a piè pagina. Io scrivo solo note a piè pagina”. Questa frase di Roberto Bazlen mi persuade di trovarmi davanti a un “semplice” libro…

furgiuele-cover

Rimbaud

di . Recensione di Elio Ria.

Il giusto bisogno di Rimbaud ce lo spiega Furgiuele nel suo libro su Rimbaud. Dopo più di un secolo Rimbaud è ancora un mito. Gianpaolo Furgiuele – nel suo libro Rimbaud. Come difendere il mito (edito da Fontana di Trevi) – si chiede se il poeta ha esaudito le aspettative, o come lui stesso scrive…

raccontoscrittura

Il racconto e la scrittura

di , . Recensione di Cateno Tempio.

Il mosaico che stanno componendo Adriana Destro e Mauro Pesce è davvero ammirevole. Con ogni nuova pubblicazione aggiungono una tessera che contribuisce al quadro d’insieme, volto a ricostruire l’immagine dei primissimi secoli o addirittura decenni dello sviluppo del cristianesimo. Soprattutto ci stanno fornendo gli strumenti essenziali e imprescindibili per cogliere finalmente senza pregiudizi, ideologie o…

correre

L’arte di correre

di . Recensione di Sergio Sollima.

Cominciamo dal titolo dell’edizione inglese, al quale la versione einaudiana non rende giustizia, e che può così essere tradotto: ‘Di cosa parlo quando parlo di corsa’. È un omaggio di Murakami Haruki al suo Raymond Carver (Di cosa parliamo quando parliamo d’amore), profeta del minimalismo. Quando parliamo di corsa – sottintende lo scrittore giapponese –…

guerra

La vertigine della guerra

di . Recensione di Cateno Tempio.

Sì rade volte càpita di trovarsi di fronte a un libro ben fatto, che quando accade ne si rimane contenti, oltre che ammirati. Perché questo, sfornato abbastanza di fresco dalla piccola ma bella “Casa di marrani”, è davvero un buon libro, da tutti i punti di vista. Caillois è una garanzia; la scelta depone già…

Apocalissi-singola-204x300

Apocalissi e conversione

di . Recensione di Elio Ria.

L’Occidente al setaccio. Le idee effervescenti di Tempio in Apocalissi e conversione. Quando si parla di civiltà non vi è il minimo dubbio che si intenda la civiltà dell’Occidente, anche se alcuni studiosi non concordano con questa tesi, sostenendo che tutte le civiltà sono in un certo senso uguali, e che l’Occidente non può arrogarsi…

IGP 44 AMATO_Polvere.indd

Polvere

di . Recensione di Cateno Tempio.

La storia condivide con la poesia l’indifferenza del tema. Certo, c’è chi ha sostenuto che alcuni temi siano in sé più poetici di altri, o che la storia vera e propria sia solamente quella evenemenziale. Sciocchezze, è chiaro. E questo libro conferma che pure qualcosa all’apparenza così insignificante come la polvere può racchiudere in nuce…

copertina STIRNER_copertina TEMPORA 2

Max Stirner

di . Recensione di Cateno Tempio.

A volte il destino di un libro è imperscrutabile. Da anni vagheggiavo la traduzione dell’unica biografia di Max Stirner. Mi chiedevo se il signor Adelphi stesse dormendo o chissà cosa, mentre in realtà aveva già liquidato la questione in quattro righe, accompagnando la traduzione de L’unico. Almeno Guanda dovrebbe farlo – mi dicevo –, se…

anarchismo-may-cover

Anarchismo e post-strutturalismo

di . Recensione di Isidoro Strano.

Il testo proposto, pubblicato nel 1994 negli Stati Uniti ed edito in Italia nel 1998, è a dire il vero un po’ datato, ma quanto mai attuale, specie in riferimento al recente dibattito sui “Beni Comuni”. Il merito di Anarchismo e post-strutturalismo. Da Bakunin a Foucault di Todd May, filosofo statunitense, è certamente quello di…

Per un elenco delle numerose recensioni precedenti, accedete all'archivio dedicato.

«Die beweinte Zukunft»

Nel video, che risale al 1987, Günther Anders dà pubblica lettura di un suo racconto, Die beweinte Zukunft, scritto nel 1961 (incluso in «Tagebücher und Gedichte»). La storia costituisce la reinterpretazione dell’episodio biblico della costruzione dell’arca di Noè. Questi, presago dell’imminente catastrofe e consapevole che dopo di essa non ci sarà nessuno a piangere le generazioni scomparse a causa del diluvio, inscena il lutto per i vivi, destinati però presto a soccombere. L’imminente futuro viene trasformato in passato grazie all’uso del futuro imperfetto. Alla fine gli sciagurati destinati a perire saranno convinti a fare qualcosa per evitare che la profezia si avveri, aprendo la possibilità della prosecuzione della storia. Si lascia intuire facilmente al lettore a quali situazioni del presente alluda il filosofo.

Il video può essere visto solo dalla sua fonte e si tratta di una rara testimonianza del filosofo, che offriamo speranzosi in attesa di un film su di lui piuttosto che sulla Arendt.

Tag: , ,

27. «Occupato»

RADIOLAB – Il dormiglione
Stagione invernale. Puntata 27 – 27 maggio 2013

Tag: , , , , , , ,

26. «Tutto si tiene (in Sicilia)»

RADIOLAB – Il dormiglione Stagione invernale. Puntata 26 – 20 maggio 2013 Tag: aforismi, antistoricismo, empedocle, etna, filosofo, il dormiglione, inferno, kingsley, letteratura, libri, logica, morte, parmenide, pensiero, platone, radiolab, sgalambro, sicilia, società, socrate, spinoza, storia, taranto, vita

25. «Sex»

RADIOLAB – Il dormiglione Stagione invernale. Puntata 25 – 13 maggio 2013 Tag: alterità, amore, ascesi, borges, carmelo bene, colli, eckhart, eros, il dormiglione, kierkegaard, letteratura, libri, marziano capella, nascita, parmenide, pasolini, radiolab, sessualità, sgalambro, villaggio maori edizioni

«Il ragazzo dalla faccia pulita» a Tuglie

Locandina - 25-02-15

Nell’ambito della rassegna culturale «Metti una sera a Tuglie» il poeta e saggista Elio Ria presenta il libro Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud (VME, 2014). Dialoga con l’autore il filosofo Mario Carparelli Saluti iniziali Antonio Gabellone / Presidente della Provincia di Lecce Massimo Stamerra / Sindaco di Tuglie Silvia Romano / Assessore…

Presentazione “I miti in Sicilia” e “Un cerchio nel buio”

ciravolo

A Catania è nata da poco una nuova e interessante casa editrice. Non possiamo che salutare con piacere accadimenti di questo genere, perché significa che c’è voglia di fare e di costruire qualcosa lungo il ristretto e accidentato sentiero della cultura. Un plauso quindi alla fondatrice Surya Amarù e alla sua neonata Splēn Edizioni, che così…

“Introduzione ai beni culturali” di Stefano Scrima

beniculturali

È con piacere, ma anche con un pizzico di orgoglio che segnaliamo la nascita di un progetto interessante che vede coinvolti due nostri collaboratori. Fabrizio Li Vigni ha fondato una casa editrice a Parigi, che nel sito viene così compiutamente descritta: ASK-Y FACTORY è una casa editrice italo-francese che pubblica (per il momento) in italiano;…

“Falso trattato di estetica” di Fondane

falsotrattato

Segnaliamo con piacere la pubblicazione in traduzione italiana del più importante scritto di Benjamin Fondane. Un plauso, quindi, alla Mucchi Editore e al traduttore Luca Orlandini. Così viene presentato il libro: Apparso per la prima volta nel 1938 e rimasto per molto tempo inosservato, il Falso Trattato di estetica di Benjamin Fondane fu ripubblicato in…

Presentazione del saggio di Elio Ria su Rimbaud

«Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud» di Elio Ria

Due biblioteche comunali della provincia di Lecce, quella di Gagliano del Capo e quella di Castrignano del Capo, e altre associazioni si sono unite per presentare il volume di Elio Ria: «Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud» (Villaggio Maori 2014). I due sindaci, un assessore, esperti del settore ed amici interverranno per dialogare con…

Günther Anders. La Cassandra della filosofia

anders

Segnaliamo con piacere questa nuova pubblicazione: Alessio Cernicchiaro Günther Anders. La Cassandra della filosofia. Dall’uomo senza mondo al mondo senza uomo (Petite Plaisance, Pistoia 2014) Si tratta di una biografia intellettuale, molto accurata e di facile lettura, di Günther Anders, filosofo a noi molto caro. Riportiamo la descrizione del libro: Günther Anders (Breslavia, 1902 –…

Emil Cioran, Al di là della filosofia

cioran

Segnaliamo con piacere la recente pubblicazione del volume: Emil Cioran, Al di là della filosofia. Conversazioni su Benjamin Fondane A cura di Antonio Di Gennaro, traduzione di Irma Carannante Edizioni Mimesis Tale volume raccoglie le interviste concesse da Emil Cioran a Leonard Schwartz (1986), Ricardo Nirenberg (1988) e Arta Lucescu Boutcher (1992), sulla figura e…

Presentazione di «Un Carmelo Bene di meno»

M. Sciotto, «Un Carmelo Bene di meno» (VME, 2014)

La guerra dichiarata da Carmelo Bene alla rappresentazione nell’arte, al suo ruolo consolatorio, all’identificazione tra teatro e spettacolo, è ciò che ha mosso la sua attività fin dagli inizi. Spinta, questa, che nel corso degli anni e della sua carriera è maturata, fino a giungere ad esiti definitivi che hanno mostrato, forse per la prima…

Nuove uscite Villaggio Maori!

vme-logo

Con grande piacere, e soddisfazione, segnaliamo l’uscita di nuovi testi editi dalla casa editrice indipendente catanese «Villaggio Maori». Nella nuova collana «Fibre»: John Webster – Il diavolo bianco (a cura di M. Dimino) Gabriella Santagati – Capacità umane e vita delle donne. Infibulazione e multiculturalismo nella società contemporanea Angelo Ruta – Il poeta volante. Con…